L'attuale chiesa parrocchiale

E-mail Stampa
LA CHIESA PARROCCHIALE
L'edificio, a pianta longitudinale, con navata unica, venne costruito a partire dal 1699 su iniziativa del parroco don Pietro Morari e, data l’inesistenza di documenti nell’Archivio Parrocchiale, a spese del Comune, grazie anche alla manodopera gratuita prestata dai molti muratori di Botticino e al ricavato dei lavori di filatura delle donne nei giorni di festa.
L’orientamento dell’edificio, con abside a nord, è mirato ad esaltare la scenografia della grande facciata rispetto al punto più felice di osservazione: la pianura a sud. 
Il progetto è attribuibile con molta probabilità a un componente della famiglia Spazzi, forse Bartolomeo, che progettò anche la chiesa di Ospitaletto, dello stesso periodo e con le stesse caratteristiche stilistiche: infatti in entrambe viene sviluppata la pianta longitudinale, con le sei cappelle, ingrandendola rispetto alle proporzioni classiche e raccordando la navata con l’abside e la facciata tramite delle rotondità, escludendo gli angoli vivi.
La nuova chiesa venne adornata da nuovi altari marmorei e pale dei secoli XVII, XVIII, XIX e XX, mentre la definitiva decorazione, si concluderà solo nei primi decenni del 1900.
La costruzione della nuova chiesa, fruttò nel 1732 al parroco don Pietro Morari, il titolo di Arciprete anche se la consacrazione dell’edificio avvenne solamente nel 1866, per opera del vescovo di Brescia Girolamo Verzeri.
 
AddThis Social Bookmark Button